Radar: Remake di gennaio?!

10/06/2019 Euromobiliare AM SGR
L'accettazione della cookie policy è necessaria per visualizzare i video

L'Investment Strategist di Euromobiliare AM SGR presenta la settimana economico finanziaria. Approfondimenti, dati e notizie d'interesse per gli investitori.

In evidenza:

  • La scorsa settimana i mercati sono stati dominati dall’apertura della Fed alla possibilità di un taglio dei tassi - scenario analogo a quello di inizio anno; 
  • L’S&P500 ha guadagnato in una settimana il 4.5% malgrado un dato deludente sui nuovi occupati;
  • Mercoledì 12 giugno: saranno pubblicati i dati di inflazione relativi al mese di maggio;
  • Venerdì 14 giugno: saranno rilasciate le vendite al dettaglio di maggio;
  • Gran Bretagna: da giovedì 13 giugno prenderanno il via le votazioni per eleggere il nuovo leader dei conservatori.

Durata: 2 minuti

La scorsa settimana i mercati sono stati dominati dall’apertura della Fed alla possibilità di un taglio dei tassi.

Si configura, sebbene in misura più ridotta, uno scenario analogo a quello di inizio anno  quando la svolta accomodante della banca centrale americana ha impresso una forte spinta al rialzo a tutte le asset class: dai governativi all’azionario, passando per i crediti.

Sintomatico è il fatto che l’S&P500 abbia guadagnato in una settimana il 4.5% malgrado un dato deludente sui nuovi occupati  e lo spread BTP-Bund sulla scadenza decennale sia sceso di 25 punti base nonostante le incertezze concernenti la politica di bilancio del governo restino all’ordine del giorno.

Per quanto riguarda il calendario economico due sono gli aggiornamenti da monitorare negli Stati Uniti. 

Mercoledì 12 giugno saranno pubblicati i dati di inflazione relativi al mese di maggio.  L’indice Headline potrebbe scendere appena sotto al 2% complice l’andamento dei prezzi energetici. L’indice core al contrario dovrebbe risultare stabile o in lieve incremento per un temporaneo effetto legato alle tariffe.

Venerdì 14 giugno saranno rilasciate le vendite al dettaglio di maggio. Gli ultimi dati disegnano un quadro di un’economia americana in rallentamento nel secondo trimestre; in questo contesto una tenuta della domanda dei consumatori, la cui fiducia rimane elevata, potrebbe rappresentare una sorpresa positiva.

Sul fronte geopolitico questa settimana occhi puntati sulla Gran Bretagna dove, da giovedì 13 giugno prenderanno il via le votazioni per eleggere il nuovo leader dei conservatori che dovrà farsi carico della gestione della Brexit.

 

Ultime news