Radar: settimana dal 30 luglio al 5 agosto

30/07/2018 Euromobiliare AM SGR
L'accettazione della cookie policy è necessaria per visualizzare i video

L'Investment Strategist di Euromobiliare AM SGR presenta la settimana economico finanziaria. Approfondimenti, dati e notizie d'interesse per gli investitori.

In evidenza:

  • Mese di luglio chiude con un bilancio decisamente positivo per le asset class di rischio;
  • USA, mercoledì 1° agosto indice ISM manifatturiero e riunione della Fed // Venerdì 3 agosto rilascio dati relativi al mercato del lavoro nel mese di luglio;
  • Area Euro, martedì 31 luglio i dati preliminari dell’inflazione relativa al mese di luglio.

Durata: 4 minuti

---

Si chiude il mese di luglio con un bilancio decisamente positivo per le asset class di rischio, azionario in primis guidato dai listini statunitensi e di area euro. Bene anche High Yield e debito emergente sostenuti dal restringimento degli spread.

In sintesi un mese che sorprende per la connotazione risk-on tanto più considerando le premesse poco incoraggianti di giugno in cui si è creato un  clima di scetticismo a fronte delle crescenti tensioni commerciali e della svalutazione dello Yuan.

Nemmeno la delusione da alcuni nomi eccellenti della tecnologia statunitense, Facebook per  citarne uno, sembrano in grado di far deragliare il movimento rialzista.

Potrebbe invece trattarsi dell’inizio di una fase di rotazione in favore di temi d'investimento fino ora penalizzati come i finanziari. Del resto la salita dei rendimenti governativi core osservata nelle ultime settimane rappresenta un ingrediente fondamentale per far riguadagnare un po’ di momentum a questo comparto.

Il calendario economico della settimana è piuttosto ricco di dati. I più rilevanti negli Stati Uniti.

Mercoledì 1 agosto: L’indice ISM manifatturiero di luglio.
La fiducia delle imprese dovrebbe indicare un livello di attività economica piuttosto forte, con l’indice su valori elevati.

Si riunisce la Fed. Nessuna particolare novità:  tassi ufficiali invariati e conferma della politica di graduale rimozione dello stimolo monetario anche alla luce dei recenti dati di crescita (2Q18 sopra il 4% e modeste pressioni al rialzo sui prezzi). Dichiarazioni coerenti con un rialzo in settembre peraltro già in buona parte incorporato dal mercato.

Venerdì 3 agosto: i  dati relativi al mercato del lavoro nel mese di luglio.
Stabile la disoccupazione sui minimi di ciclo. Il focus degli investitori è sulla crescita salariale che per ora resta sottotono per un mercato in piena occupazione, ma in prospettiva dovrebbe dare segnali di maggior vivacità.

Sul fronte europeo segnaliamo martedì 31 luglio i dati preliminari dell’inflazione relativa al mese di luglio: l’indice headline intorno al 2% e il core vicino all’1%, rimane piuttosto lontano dall’obiettivo della BCE.

Ultime news