Ad orizzonte temporale

Eurofundlux Obiettivo 2024 A

Sicav / Obbligazionari Flessibili / Profilo di rischio e rendimento: 4

Caratteristiche

Benchmark Eurofundlux Obiettivo 2024 A non ha parametro di riferimento ("benchmark")
Categoria Assogestioni Obbligazionari flessibili
Classe Accumulazione dei proventi
Divisa EUR
Gestione cambio Gestione attiva
Obiettivi

Massimizzare il rendimento degli investimenti, mediante un portafoglio diversificato con un orizzonte temporale al 31 dicembre 2024.

Periodicità quota Giornaliera
Politica di investimento

Le attività nette del Comparto potranno essere investite:
a. fino al 100% in valori mobiliari di tipo obbligazionario e/o in strumenti di mercato monetario, aventi un rating uguale o superiore a BBB- (investment grade) e, in alcune condizioni di mercato, temporaneamente in liquidità costituite in particolare da depositi bancari presso istituti di credito aventi una durata residua inferiore ai 12 mesi, in conformità con le regole di diversificazioni applicabili;
b. fino al 100% in valori mobiliari di tipo obbligazionario e/o in strumenti del mercato monetario aventi un rating inferiore a BBB- (non investment grade);
c. fino ad un massimo del 10% in valori mobiliari di tipo obbligazionario quali le obbligazioni convertibili e/o contingent convertible bonds ("CoCo");
d. fino ad un massimo del 10% in valori mobiliari di tipo obbligazionario privi di rating (unrated bonds”).
A titolo indicativo, il rating medio del portafoglio sarà BB-, potrà diminuire in funzione delle opportunità di investimento suscettibili di manifestarsi in seguito al cambiamento delle condizioni della volatilità dei mercati obbligazionari che potranno contribuire a raggiungere l’obiettivo di rendimento del comparto.
Fino ad un massimo del 10% degli attivi netti il Comparto potrà investire in parti di OICVM e/o di altro OICR che investano in valori a reddito fisso.
A partire dal 31 dicembre 2024, il Comparto sarà investito esclusivamente in obbligazioni, in strumenti del mercato monetario e in liquidità costituite in particolare dal depositi bancari presso istituti di credito aventi una durata residua inferiore a 12 mesi.
Per quanto riguarda gli investimenti in divise diverse dall'Euro, la Società ha la facoltà di ricorrere a tecniche di copertura del rischio di cambio.
Il Comparto può investire in strumenti finanziari derivati sia ai fini di copertura dei rischi che di una efficiente gestione del portafoglio.

Profilo di rischio e rendimento 4
Tipo Sicav

Commissioni e spese

Commissioni di gestione

- dal 30 agosto 2022 al 31 marzo 2023: massimo 1,20% p.a.
- dal 1° aprile 2023 al 31 marzo 2024: massimo 1,00% p.a.
- dal 1° aprile 2024: massimo 0,80% p.a.

Commissioni di incentivo Non prevista
Commissioni di rimborso

Non previste

Commissioni di sottoscrizione Massimo 2%
Commissioni di switch Massimo 0,5%
Spese correnti annue 1,50%

Altre informazioni

Data di avvio 05/09/2022
IBAN IT68W0327101600003500746000
Investimento minimo (PAC) 50€
Investimento minimo (PIC) 500€
ISIN al portatore LU2502888915
Valore Quota (30/09/2022) 9,7290 €

Considerazioni sui rischi

Al prodotto è assegnata una categoria di rischio in funzione delle variazioni di prezzo risultanti dalla natura degli investimenti, della strategia attuata e dalla sua valuta. La categoria di rischio si basa su dati storici e può non essere un'indicazione affidabile del profilo di rischio futuro. La categoria di rischio non è un obiettivo o una garanzia e può cambiare nel tempo. L’appartenenza alla categoria più bassa non significa che l'investimento sia privo di rischi. Il comparto non offre alcun tipo di garanzia del capitale o di protezione delle attività.

Il prodotto può essere esposto a rischi consistenti che non sono considerati adeguatamente nell'indicatore di rischio sintetico e possono influire negativamente sulla sua performance.

Vengono riportati di seguito i principali fattori di rischio.

  • Rischio operativo: rischio di perdite dovute ad esempio a errori umani, malfunzionamento dei sistemi, valutazioni non corrette o custodia di strumenti finanziari.
  • Rischio di controparte: rischio di perdite in caso di inadempimento di una controparte in relazione a strumenti o contratti (ad es. di derivati negoziati direttamente tra le parti). 
  • Rischio di derivati finanziari: la leva finanziaria risultante dai derivati può amplificare le perdite in particolari condizioni dei mercati.
  • Rischio di liquidità: rischio associato alla difficoltà di liquidare le posizioni detenute da un OICR, ad esempio mercati con bassi volumi possono causare difficoltà nella valutazione e/o negoziazione di certe attività.
  • Rischio di credito: possibilità di subire perdite improvvise se un emittente di titoli di debito non adempie ai propri obblighi di pagamento.
  • Gli investimenti in mercati emergenti sono in generale più sensibili agli eventi di rischio, come i cambiamenti del contesto economico, politico, fiscale e giuridico, nonché alle frodi.
  • Rischio di sostenibilità: rischio associato ad un evento o ad una condizione legata a fattori ambientali, sociali o di governance.
  • Rischio di pricing: rischio associato alla non corretta valutazione degli strumenti finanziari detenuti in portafoglio.

Ulteriori informazioni sono disponibili nel prospetto.

Sottoscrivi

CREDITO EMILIANO S.p.A.

Scopri dove puoi sottoscrivere i prodotti di Euromobiliare SGR

Sottoscrivi

BANCA EUROMOBILIARE S.p.A.

Scopri dove puoi sottoscrivere i prodotti di Euromobiliare SGR

Sottoscrivi